www.rondeoperaie.it
MANGIAROTTI NUCLEAR
  by Ronde Operaie / Categoria :: -Presidi Nord Ovest
Pubblicato il ven, 16 apr @ 18:54
 


Gli operai della Mangiarotti Nuclear si stanno opponendo ormai da mesi alla
chiusura della loro fabbrica. Hanno passato l'inverno a presidiare la fabbrica notte
e giorno fino alla sentenza del tribunale che ha ordinato il ritiro della procedura
di cassa integrazione, considerata illegittima, e l'immediato rientro della commessa
principale. Attualmente sono quindi rientrati al lavoro 94 dipendenti mentre ne
rimangono in cassa integrazione 24 che mantengono aperto il presidio durante il
giorno.
È possibile tenersi informati e contattare il presidio entrando nel loro blog di cui
riporto il link:

http://blog.libero.it/rsumangiarotti/

Dal Blog segnaliamo aggiornamento situazione 17/5/2010

Commessa da 10 milioni di €. dalla Russia a Mangiarotti Nuclear per costruire Cask,
contenitori per trasporto e stoccaggio di materiali e scorie radioattivi provenienti
dai sommergibili dell'ex URSS, attualmente in disarmo. (fonte" L'espresso" )

Capocommessa è Sogin, (Società gestione impianti nucleari) che fa capo al ministero
del Tesoro, proprietaria delle centrali nucleari italiane ora ferme.

Da Roma...

Altre commesse sono state assegnate in passato da  Sogin a Camozzi e rilevate, in
seguito all'acquisto dello stabilimento di Milano, da Mangiarotti Nuclear: alcune
sono in lavorazione a Udine o presso terzi, altre risultano ferme. In viale Sarca
rimangono in bella mostra sul piazzale i prototipi progettati e costruiti a Milano.
(Anche questo lavoro riemergerà a Monfalcone.....)

Tutte le commesse Sogin, compresa quella russa, sono finanziate dal Governo
italiano.

Da Trieste...

Dopo la manifestazione del 5 maggio scorso a Trieste, l'assessore Ciriani (Friuli
V.G.) ha incontrato i proprietari di Mangiarotti.

Nel comunicato ufficiale si confermano i finanziamenti pubblici, da Friulia e Frie, a
Mangiarotti per costruire lo stabilimento di Monfalcone: 27,5 milioni di Euro. A
fronte dell'impegno ad assumere 350 lavoratori, forse compresi i 150 oggi a
Sedegliano di Pannellia.

 Per costruire 150 milioni $ di ordini acquisiti a Milano.

Da Milano....una goccia nel mare

Nel dicembre scorso, la precedente Giunta Regionale della Lombardia si è adoperata
per favorire la richiesta di Cigs della Mangiarotti, che di fatto chiudeva lo
stabilimento.  Contro il parere dei lavoratori.

E' stato  il suo unico contributo, con i soldi dell'Inps., indifferente ai 107 posti
di lavoro a rischio di operai ed impiegati di Milano.

Un federalismo di classe: operai tassati e licenziati, padroni finanziati.

...... A Monfalcone, via Timavo, 22.

..."Il più curioso dei fiumi del Friuli Venezia Giulia è il Timavo, fenomeno tipico
del Carso. Il Timavo nasce in Slovenia, scorre sottoterra per 38 km. e riaffiora
vicino a Monfalcone, a poca distanza dal mare."

Come i finanziamenti pubblici (soldi delle tasse) per Mangiarotti.

 Milano, 13 maggio 2010                        RSU

 

Notizie dal Friuli!!
Post n°116 pubblicato il 17 Maggio 2010 da rsumangiarotti 
INDUSTRIA: CIRIANI, REGIONE DECISIVA PER RILANCIO MANGIAROTTI
Trieste, 13 mag - Con un investimento di 120 milioni di euro sul territorio regionale
e l'obiettivo di assumere a pieno regime almeno 350 persone, per la maggior parte
tecnici qualificati, la Mangiarotti è pronta ad uno dei principali interventi
industriali degli ultimi anni in regione.
Il vicepresidente del Friuli Venezia Giulia Luca Ciriani, ha incontrato a Udine i
vertici della società, i titolari Paolo Di Salvio e Tarcisio Testa e l'amministratore
delegato Aniceto Tubaro, a conclusione di un iter di pianificazione e attivazione
degli strumenti regionali a favore della società.
''E' stato portato a compimento - ha commentato Ciriani - un importante piano di
marketing territoriale. Il lavoro messo a punto dai tecnici della Direzione regionale
Attività produttive e da Friulia, che interviene con 7,5 milioni di euro, ed il
finanziamento agevolato di 20 milioni di euro dal Frie hanno fatto sì che questo
progetto imprenditoriale si concretizzasse a Monfalcone. Il lavoro svolto - ha
aggiunto - mette in evidenza come il nostro territorio possa essere competitivo e
attrattivo se sostenuto con politiche e strumenti finanziari in grado di dare agli
imprenditori supporto tecnico-finanziario e logistico. Abbiamo messo in campo le
nostre migliori forze per rapportarci con questi interlocutori che chiedono prima di
tutto efficienza e collaborazione, oltre che fondi per lo sviluppo economico''.
La Regione è intervenuta nel progetto con Friulia varando lo scorso febbraio un
investimento complessivo di 7,5 mln di euro, mentre il Frie erogherà un finanziamento
agevolato di 20 milioni di euro a fronte di un investimento complessivo da parte
dell'azienda di 120 milioni di euro per uno stabilimento che diventerà operativo in
meno di un anno, con l'avvio della produzione previsto a metà 2011.
Sede legale a Sedegliano, in provincia di Udine, la Mangiarotti gestisce dal Friuli
Venezia Giulia il proprio business nel settore della componentistica per il
petrolchimico. Nel 2007 ha attivato una strategia per aggredire il mercato della
componentistica delle centrali nucleari, acquisendo la Ansaldo-Camozzi di Milano. Il
piano di sviluppo in questo settore ha evidenziato la necessità per la Mangiarotti di
ottenere una migliore logistica, in particolare realizzando uno stabilimento con
accesso diretto al mare. Da qui, l'azione congiunta di Friulia e della Direzione
regionale Attività produttive per candidare l'area della ex Ineos di Monfalcone alla
riconversione, utilizzando a questo scopo una superficie di 200mila metri quadrati.
''Ci sono molti aspetti positivi in questo progetto - ha concluso il vicepresidente
della Regione - ed è importante sottolineare gli aspetti della produzione sul
territorio e degli introiti fiscali ma soprattutto la questione occupazionale: 350
posti di lavoro oggi, in un periodo di crisi così forte, rappresentano una grande
risposta alle richieste del territorio''.
ARC/Com


Seguiranno aggiornamenti.


« Dec 2017 »
S M T W T F S
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

Ultimi 10 articoli

CON DDL SEMPLIFICAZIONI SI ELUDE LA SICUREZZA SUL LAVORO..
MORTI TRE OPERAI..
AGGIORNAMENTI DALLA INDESIT..
MAFLOW L\'ACCORDO DELLA VERGOGNA..
LA BATTAGLIA SOLITARIA DELL\'OPERAIO MARCO BAZZONI..
ASSOCIAZIONE \"VOCI DELLA MEMORIA\" CASALE MONFERRATO..
A 69 ANNI LAVORA E MUORE IN CANTIERE..
ARTICOLI SULLA INNSE 1 ANNO DOPO..
OMSA CHIUDE FAENZA E APRE IN SERBIA 350 OPERAI A CASA!..
GLI OPERAI NEXANS LOTTANO ANCORA!..
CALA L\' OCCUPAZIONE E QUINDI LE MORTI BIANCHE DIMINUISCONO..

CERCA

CONTATTACI

CATEGORIE

-Estero

-Presidi Sud e Isole

-Presidi Centro

-Presidi Nord Est

-Presidi Nord Ovest

-Consulenza e consigli

-Ronde Operaie

Links

Powered by bMachine Hosting by Argomedia.it