www.rondeoperaie.it
STRAGE A BRINDISI
  by Ronde Operaie / Categoria :: -Ronde Operaie
Pubblicato il gio, 10 giu @ 16:55
 


BRINDISI - Uno scoppio cosiddetto chimico ha causato la morte di un operaio e il
ferimento di altri tre della ditta Cof di Brindisi. I quattro lavoravano alla
saldatura di un serbatoio per solventi esausti dello stabilimento brindisino
dell’azienda farmaceutica Aventis. L’operaio deceduto è il 40enne Cosimo Manfreda, i
quattro feriti sono, invece, Antonio Colella, Antonio Mangione, Gianfranco Branca e
Giancarlo Guidotti tutti della ditta Cof di Brindisi di Salvatore Saponaro.
L’incidente è avvenuto intorno alle ore 12: i quattro stavano effettuando lavori di
saldatura al serbatoio quando, a causa del surriscaldamento del silos, la pressione
ha fatto saltare il coperchio, investendo Manfreda. 

NESSUN RISCHIO AMBIENTALE - Il vicesindaco di Brindisi, Mauro D’Attis, facendo
riferimento ad informazioni avute dai vigili del fuoco, dichiara che sono esclusi
rischi ambientali. «Ho ricevuto assicurazioni precise da parte del Comando
provinciale dei vigili del fuoco - spiega - circa la totale assenza di effetti
inquinanti in atmosfera sia in città che all’interno dello stabilimento Aventis».
D’Attis, che sostituisce il sindaco, Domenico Mennitti, fuori città, ha fatto un
sopralluogo sul luogo dell’esplosione e successivamente si è recato in ospedale
apprendere le condizioni dei quattro operai ustionati.

L'AZIENDA - Lo stabilimento Sanofi-Aventis di Brindisi produce diversi principi
attivi farmaceutici, in particolare nel settore dell’antibiotico-terapia. Sorge su di
un’area di circa 150.000 metri quadrati ed è diventato progressivamente un centro
multidisciplinare di Biotecnologie, dedicato non solo alla produzione di principi
attivi farmaceutici ma anche allo sviluppo di nuove molecole farmacologicamente
attive e dei relativi processi. Dispone di tre impianti chimici (di cui uno
completamente automatizzato), un impianto per il recupero di solventi, un ossidatore
termico e cinque laboratori biotecnologici multidisciplinari, in aggiunta a un
impianto pilota di fermentazione e a quello industriale. Lo stabilimento ha circa 200
collaboratori e nel 2009 ha prodotto un fatturato di 50,5 milioni di euro producendo
113,5 tonnellate di principi attivi.

« Oct 2017 »
S M T W T F S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

Ultimi 10 articoli

CON DDL SEMPLIFICAZIONI SI ELUDE LA SICUREZZA SUL LAVORO..
MORTI TRE OPERAI..
AGGIORNAMENTI DALLA INDESIT..
MAFLOW L\'ACCORDO DELLA VERGOGNA..
LA BATTAGLIA SOLITARIA DELL\'OPERAIO MARCO BAZZONI..
ASSOCIAZIONE \"VOCI DELLA MEMORIA\" CASALE MONFERRATO..
A 69 ANNI LAVORA E MUORE IN CANTIERE..
ARTICOLI SULLA INNSE 1 ANNO DOPO..
OMSA CHIUDE FAENZA E APRE IN SERBIA 350 OPERAI A CASA!..
GLI OPERAI NEXANS LOTTANO ANCORA!..
CALA L\' OCCUPAZIONE E QUINDI LE MORTI BIANCHE DIMINUISCONO..

CERCA

CONTATTACI

CATEGORIE

-Estero

-Presidi Sud e Isole

-Presidi Centro

-Presidi Nord Est

-Presidi Nord Ovest

-Consulenza e consigli

-Ronde Operaie

Links

Powered by bMachine Hosting by Argomedia.it